Pietro Citati

Giungeva l’inverno. Una neve altissima nascondeva gli altopiani del Nord, la caccia nei parchi era impossibile e il mondo sembrava chiuso e ostile.

Allora il re faceva distendere al suolo un tappeto chiamato “La primavera di Cosroe”. L’orlo era ricamato di smeraldi, il centro rappresentava dei villaggi, dei corsi d’acqua, un giardino, un frutteto e un campo di grano.
Contemplando i disegni, Cosroe cancellava la neve e il freddo, e le gioie della primavera gli sembravano più prossime e confidenziali.
lago di garda2

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...