Archivio tag | bene

Augurio

Possa ogni passo esserti lieve,
ogni azione leggera,
ogni sorriso spontaneo,
ogni parola soave.
Possa il tuo bene diventare maturo, vero e grande, così da divenire capace di essere libero, di continuare ad espandersi come fa un lago, che quando tracima si impossessa di tutti gli spazi intorno a sè.
Possa tu ritrovare la rotta verso un futuro appagante e riposante dove ogni giorno non sia una “scalata”, ma una camminata, non certamente priva della sua fatica, ma dove il passo è deciso, certo e franco.
Possa tu voler bene, senza un vero perchè, perchè il bene non pone domande e se lo facesse non troverebbe le risposte che cerca, ma solo il cuore, l’anima e il volto della persona amata.
dolce amore

Lettera ad un’anima … amica

mare notte
Mia cara Amica,
seduta sopra ad uno scoglio guardo verso l’orizzonte, con il desiderio di andare “oltre” e di riuscire a raggiungerti, ma non più fisicamente, perchè la vicinanza non è così importante o necessaria nell’amicizia, e adesso lo è ancor meno che in passato; desidero, invece, raggiungere la tua anima che sta navigando abbandonata ad un piccolo e fragile “vascello”, e rischia, se continua ad avanzare senza avere una precisa rotta, di affondare.
Sì, la tua anima è in pericolo, si sta completamente smarrendo a causa dei colpi che la vita continua ad infierirle! Essa che io so “grande”, è purtroppo molto fragile, perchè impreparata alla cattiveria degli uomini. E sembra che ora desideri solo trovare la sua pace: lontano da tutti. E’ per questo che sei salpata di mattina presto senza un cenno, senza una parola, quasi in “trance”.
Ti sei allontanata in un batter d’occhio e quando mi sono accorta che eri “in mezzo al mare” non avevo più nessuna possibilità di raggiungerti!
Da giorni staziono su questo scoglio, aggrappata ad esso anche se la stagione non è delle più favorevoli: il vento è ancora gelido , gli spruzzi delle onde per niente piacevoli, la solitudine quasi totale se non fosse per alcuni gabbiani, alla ricerca spasmodica di cibo!
Che cosa aspetto? Non so, forse di vederti tornare, ma non riesco a staccarmi da qui perchè è stato il tuo ultimo approdo, … forse più che aspettare spero di vedere una vela bianca oltre l’orizzonte, una vela che saprei riconoscere tra “mille”, perchè la tua anima è diversa da qualsiasi altra… la tua anima è un’anima bambina che nessuno ha saputo prendere per mano e accompagnare lungo “i sentieri della vita”, e così ha preso il “largo” nel desiderio di lasciarsi alle spalle tutte le brutture della terra!
Su questo scoglio ti rivolgo il mio pensiero e affido i miei desideri di bene per te al movimento perenne delle onde!
Dovunque tu sia giunta possa la natura esserti amica e favorevole!

Buscaglia – L’uomo ha bisogno …

cane frase buscaglia

L’uomo ha bisogno di qualcuno che gli voglia bene.
Basta una persona sola, purché gli voglia bene davvero,
e non sto parlando di grandi scene madri.
Buscaglia

Considerazione personale:
Vorremmo poter sollevare chi ci è accanto da tutto ciò che li addolora, invece possiamo solo voler loro bene, tanto bene. Certo come dice Buscaglia potrebbe bastare, ma purtroppo quella è solo poesia, perchè la prosa di tutti i giorni è molto diversa. Non dobbiamo lasciarci piegare dalle avversità; certo ci sono momenti di cedimento, ma devono essere solo momenti, perché se li facessimo durare di più affogheremmo, quindi occorre sempre rialzare subito la testa. E’ così che si risponde ai colpi della vita. Quella “vita” non sempre generosa nei nostri confronti, che però va vinta, va tenuta a bada.. Si può farlo con la fede, con la tenacia, con la forza d’animo. Dobbiamo usare queste strategie e la “vita” non vincerà, se continueremo a tenerle testa, fino alla fine dei nostri giorni. Forse vedendoci così decisi e combattivi, mollerà la presa, si dedicherà ad altre esistenze, e noi potremo tornare a “respirare” con respiri, finalmente, rilassati e profondi!

La lezione

gattino
Un avvenimento negativo nella nostra vita può e deve essere di lezione alla vita di chi ci sta accanto.
La preghiera non è un ombrello che ci possa riparare dagli avvenimenti negativi, e nemmeno un portafortuna, così occorre continuare a pregare, ma abbassando le nostre aspettative, che vanno spesso disattese, perchè capitano sempre cose spiacevoli, molto spiacevoli, quando a noi sembra di intensificare. Nella Bibbia c’è scritto: “se ne ride chi abita i cieli!” E il senso è che dobbiamo CREDERE e basta. Così dobbiamo iniziare a fare.
Quando Il bene  è come “la pappa reale” concentratissimo, così anche la sofferenza è sempre una bomba, ma la nostra conclusione deve essere che, proprio perché preghiamo, non è accaduto di peggio.
Occorre passare da una fede infantile, ad una fede ADULTA, dove Dio non è Colui che  risolve i problemi, ma Colui che facendosi mettere in Croce ci è accanto ogni volta che in Croce ci finiamo noi!
Ogni  “lezione”  deve servirci ad avanzare nuovamente e sempre più verso Dio.