Archivio tag | saint-exupery

Antoine de Saint-Exupery –

fiore di
Tu cerchi di dare un senso alla vita quando un senso alla vita significa divenire se stesso, e non raggiungere quella pace miserabile procurata dalla dimenticanza dei contrasti. Se qualcosa ti si oppone e ti strazia, lascia crescere, ciò significa che metti le radici e ti trasformi. Benedetto il tuo tormento che ti fa crescere: poichè nell’evidenza non si dimostra e non si raggiunge nessuna verità. Quelle che ti vengono proposte non sono che un facile accomodamento, e simili a sonniferi. Io disprezzo quelli che diventano come bruti per dimenticare, oppure, per comodità, soffocano una loro segreta aspirazione per vivere in pace.
Sappi che ogni contraddizione insoluta, ogni contrasto inevitabile ti obbliga a crescere per assorbirlo. Se vuoi diventare grande devi lottare fino allo spasimo contro i tuoi contrasti: essi conducono innanzitutto a Dio. E’ la sola via che esista. Ed è per questo che la sofferenza accettata ti accresce.

Goditi un tramonto -A.de S. Exupery

Oh, piccolo principe, ho capito a poco a poco la tua vita malinconica: Per molto tempo tu non avevi avuto per distrazione che la dolcezza dei tramonti. Ho appreso questo nuovo particolare il quarto giorno, al mattino, quando mi hai detto: “Mi piacciono tanto i tramonti. Andiamo a vedere un tramonto…” ” Ma bisogna aspettare…” “Aspettare che?” “Che il sole tramonti…”
Da prima hai avuto un’aria molto sorpresa. E poi hai riso di te stesso e mi hai detto: “Mi credo sempre a casa mia!…” Infatti. Quando negli Stati Uniti è mezzogiorno tutto il mondo sa che il sole tramonta sulla Francia. Basterebbe poter andare in Francia in un minuto per assistere al tramonto. Sfortunatamente la Francia è troppo lontana. Ma sul tuo piccolo pianetà ti bastava spostare la tua sedia di qualche passo. E guardavi il crepuscolo tutte le volte che volevi….”Un giorno ho visto il sole tramontare quarantatrè volte!” E più tardi hai soggiunto. “Sai…quando si è molto tristi si amano i tramonti…”
“Il giorno delle quarantatrè volte eri tanto triste?”
Ma il piccolo principe non rispose.
tramonto

La nave della vita – Antoine de Saint-Exupery

sole

Se vuoi costruire una nave non devi prima cosa affaticarti a chiamare la gente a raccogliere la legna e a preparare gli attrezzi: non distribuire i compiti, non organizzare il lavoro.
Ma invece prima risveglia negli uomini la nostalgia del mare lontano e sconfinato.
Appena si sarà risvegliata in loro questa sete si metteranno subito al lavoro per costruire la nave.

Antoine de Saint’Exupery