Archivio tag | Tristezza

Il clown – Ignoto

clown

 

Il clown è colui che rispecchia lo spirito di tutta l’umanità…
Il clown non fa solo ridere ma anche pensare … sognare …
E’ l’uomo che si scontra con le sue indecisioni…
è l’uomo che sfida il tempo e se stesso…
Il “clown” trasmette ilarità ma pure tristezza,
cosa si cela sotto quella maschera lo sa’ soltanto lui,
per questo ognuno di noi e’ un “clown”

Accetta la tristezza – Osho

Accetta la tristezza, dalle il benvenuto, lascia che sia un ospite bene accetto. E osservala con attenzione in profondità, con amore, con attenzione. Sii un vero anfitrione! E rimarrai sorpreso, sorpreso al di là di qualsiasi aspettativa, perchè vedrai che la tristezza possiede alcune bellezze che la felicità non potrà mai avere. La tristezza ha profondità, mentre la felicità è sempre superficiale. La tristezza ha lacrime, e le lacrime scendono a profondità maggiori di qualsiasi risata. La tristezza ha un silenzio proprio, una melodia che la felicità non potrà mai avere.

Non si tratta di scegliere la tristezza, ma di godere anche di essa…

IMG_3146

Haruki Murakami – da La fine del mondo e il paese delle meraviglie

ragazza colomba
…Esiste anche questo al mondo, la tristezza di non poter piangere a calde lacrime. E’ una di quelle cose che non si può spiegare a nessuno, e anche se si potesse nessuno la capirebbe.
Una volta, avevo provato a esprimerla a parole. Ma non ne avevo trovato una che potesse esprimere il mio sentimento ad altri, anzi nemmeno a me stesso, così avevo rinunciato.
E avevo chiuso sia le mie parole, sia il mio cuore.
La tristezza troppo profonda non può prendere la forma delle lacrime.

Pioggia d’estate – Nazim Hikmet

pioggia
Pioggia d’estate cade dentro di me
acini d’uva schiacciati contro i miei vetri
gli occhi delle mie foglie sono abbagliati
pioggia d’estate cade dentro di me
piccioni d’argento volano dai miei tetti
la mia terra corre coi piedi nudi
pioggia d’estate cade dentro di me
una donna è scesa dal tram
i polpacci bianchi bagnati
pioggia d’estate cade dentro di me
senza rinfrescare la mia tristezza
pioggia d’estate cade dentro di me
all’improvviso s’arresta
il peso dell’afa è rimasto dov’era
al termine delle grosse rotaie
arrugginite.

Sensazioni – Simone Weil

fiore fantasia
C’è gente che è vissuta solo di
sensazioni e per le sensazioni. In realtà la vita li inganna; e siccome confusamente lo sentono, cadono in una tristezza profonda dove non resta loro altra risorsa che quella di stordirsi mentendo miserevolmente a se stessi. Perché la realtà della vita non è la sensazione: è l’attività nel pensiero e nell’azione. […]
Coloro che vivono di sensazioni, sono, materialmente e moralmente, solo dei parassiti in confronto degli uomini lavoratori e creatori i quali solo sono uomini veri. E poi la ricerca delle sensazioni […] non impedisce, evidentemente, di amare, ma spinge a considerare gli esseri amati come sole occasioni di godimento o di sofferenza e a dimenticare completamente che esistono di per se stessi.
Si vive in mezzo a fantasmi. Si sogna, invece di vivere […]
L’amore è una cosa seria, dove si rischia spesso di impegnare eternamente la propria vita e quella di un altro essere umano!